Son rimasti in sei gli azzurri di quella mattina di marzo 2018

Gli scaramantici nel calcio sono sempre tanti, "non succede ma se succede"

0

La mattina del 3 marzo 2018, era un sabato, Koulibaly, Mario Rui, Zielinski, Mertens, Insigne e Ounas si svegliarono e credettero di sognare: primi in classifica, a undici gare dalla fine, e alla sera, mentre andavano incontro alla Roma, avrebbero potuto persino sospettare d’attrezzare una fuga per lo scudetto. Ma la palla è rotonda, le traiettorie sono perfide e le coincidenze, scrisse Zafon, sono le cicatrici del destino: la Juve vinse all’Olimpico, sulla Lazio; Ünder, Dzeko e Perotti presero un ago e sgonfiarono il sogno, prima che in un albergo di Firenze s’allungassero le «ombre» su Orsato e di quei malpensanti che vedono complotti ovunque. Sono volati via 1297 giorni, siamo dentro a un’altra vita, e stasera il Napoli, vincendo, può avvertire di nuovo l’effetto del primo posto e scoprire quanto sia salutare – e se lo sia – l’altura della vetta: come diranno gli scaramantici, che nel calcio sono sempre tanti, non succede ma se succede, Koulibaly, Mario Rui, Zielinski, Mertens, Insigne e Ounas proveranno a spiegare a chi non c’era che è tutto bello, ma conviene rileggersi la storia di quell’anno per domare il pericolo, avvolto nei misteri del football. A. Giordano (Cds)

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.