Giudice: “Media Company è la soluzione da seguire. Sull’ipotesi Superlega…”

0
In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Alessandro Giudice, economista: “Situazione drammatica? Abbiamo detto sempre da parte di tutta questa media company. Non è più un’opzione, ma una scialuppa di salvataggio di cui la serie A non può fare a meno. Che poi questa scialuppa di salvataggio sia una strada virtuosa da percorrere io l’ho sempre detto. È una soluzione necessaria che è sempre stato deficitario di vendere bene il suo prodotto. È lì che abbiamo accumulato ritardo rispetto ad altri campionato. È lì che ci esaltiamo per acquisti che un tempo non avrebbero avuto risalto e oggi vanno in prima pagina. Il Covid ha livellato tutto e consente di ripartire. La media company può essere una strategia per il futuro. Io non ho dubbi su quale sia la soluzione da seguire. Poi c’è quella parte di movimento che ha sempre vissuto di vivi et impera. È chiaro che quel mondo si trova spiazzato. Mentre prima riuscivi a paralizzare, oggi è sempre più nell’angolo. Sono cresciuti i club maggiori, in cui Lotito prima trovava sponda. Oggi c’è anche un’altra questione che sembra dipendente da questa: quella della superlega. Non so se questi signori abbiano capito che c’è una fortissima corrente nei grandi club. Non so se hanno capito che se la Fifa Uefa e Club hanno litigato è perché questo progetto c’è. Il New York Times lo ha esposto. I club anche piccoli o grandi devono capire che il modo per andare avanti è la media company. Quando chiesi ad Agnelli: il progetto media Company non è in conflitto con la Superlega?” Agnelli cortesemente si alzò e se ne andò. Se tu vuoi tutelarti dalla costruzione di super campionati che ti facciano retrocedere ad una sorta di serie B, devi investire. Io credo che i vari De Laurentiis, la Roma etc mi pare che siano entrati nel bordolo nella media company e che siano tutti allineati ”.
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.