Chiariello: “La legge consente la ripartenza del calcio, basta volerlo. È una decisione politica”

0

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’ è intervenuto Umberto Chiariello, giornalista, con il suo EditoNuovo: “L’articolo 1, comma 1 del decreto del 22 febbraio dice: “E’  fatto  obbligo  alle  Autorità sanitarie  territorialmente competenti di applicare la misura della quarantena  con  sorveglianza attiva, per giorni quattordici, agli  individui che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva  diffusiva COVID-19”. Il nuovo decreto dice, invece, non parla più dei 14 giorni per cui, posso uscire perché si parla di quarantena precauzionale a soggetti che hanno avuto contatti stretti con un malato di COVID-19. Se un calciatore è asintomatico, va in isolamento, si cura, ogni 4 giorni fa un tampone, se è negativo può tornare ad allenarsi. Chi è guarito sviluppa anche gli anticorpi, quindi è anche immune, almeno per qualche mese come dicono gli scienziati. Coloro che hanno avuto contatti stretti con lui devono andare in quarantena precauzionale, non obbligatoria. La legge già consente a Spadafora e Conte di far ripartire il calcio, devono solo volerlo, è solo una decisione politica. Fanno bene i club a dire che non vogliono ripartire con gli allenamenti se non si sa quando ripartire”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.