Ghirelli, pres. Lega Pro: “Molti club contro la ripartenza. Serie A? Dipende dall’autorità scientifica”

0

Il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, è intervenuto nel corso di ‘Radio Goal’, trasmissione in onda su Radio Kiss Kiss Napoli: “Io avrei voluto già giocare perché vorrebbe dire che il Paese sta meglio. Purtroppo si ragiona solo per numeri, specialmente sulla Serie C. Protocollo? I 60 medici ci hanno dato la visione delle difficoltà nelle 60 società. In primis la struttura medica. Non abbiamo strutture per ospitare tutte le persone che dovranno fare l’analisi per fare il gruppo chiuso. Se pensiamo ad un albergo aumenteremmo i costi”.

ALTRI PROBLEMI – “E poi abbiamo più ‘Italie’. In Calabria, ad esempio, ci sono difficoltà di reperimento di tamponi e analisi, quindi pensate ai nostri 4 club calabresi. Poi bisogna aggiungere le tante squadre che abbiamo nei crateri del virus. Tutti questi elemnti, congiunti ai posti, rendono impraticabile l’attuazione del protocollo. Se si gioca il campionato è tutto a posto, quella è la classifica. Ma se non si gioca qualsiasi soluzione si troverà avrà dei problemi, non si otterrà mai l’unanimità dei consensi. Si aprirebbero contestazioni”.

PERSE SPERANZE PER UNA RIPRESA? – “Sì, e non l’ho deciso io ma l’ho messo ai voti. Se avessero votato tutte le 28, avrebbero avuto la maggioranza nell’Assemblea. Invece hanno votato in 16. Questo vuol dire che c’è una parte consistente che non ritiene di poter andare avanti perché non ci sono le condizioni. Serie A? Fin quando non ci sarà la pronuncia dell’autorità scientifica non posso essere né ottimista né pessimista circa una ripartenza”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.