ESCLUSIVA – Alessia Bartiromo: “La Casertana da un anno porta avanti il progetto del calcio femminile”

All'interno l'intervista alla collega di casanapoli.net

0

In questo momento dove si cerca di trovare un rimedio alla pandemia Covid-19 e di tornare quanto prima alla vita di prima, il mondo del calcio cerca di trovare una soluzione per tornare all’attività agonistica. Anche la serie C si prepara per non farsi trovare impreparata, compreso la Casertana. Sulla squadra campana ilnapolionline.com lo ha chiesto nell’intervista alla collega di casanapoli.net Alessia Bartiromo.

 

Tu vivi a Caserta e ti volevo chiedere com’è la situazione per quanto concerne contagi e pandemia Covid-19? “A Caserta la situazione a livello dell’emergenza covid-19 fortunatamente è sotto controllo. Proprio ieri sono partiti all’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano i lavori per un nuovo padiglione interamente dedicato ai pazienti affetti da Coronavirus e finanziato dalla Regione e nella giornata di ieri sono stati registrati 0 nuovi casi in tutta la provincia. Nonostante ciò l’allerta resta altissima così come l’attenzione da parte dei cittadini nel restare a casa, rispettare le restrizioni e la quarantena per uscire quanto prima da questo bruttissimo momento che affligge il mondo intero. Inoltre, Caserta e la sua provincia si sono rese partecipi di tantissime iniziative solidali per aiutare le famiglie maggiormente in difficoltà proprio per creare una rete di aiuti in questo momento così delicato”.

Passando alla Casertana, la squadra come si sta allenando in vista di un’eventuale ritorno all’attività agonistica? “La Casertana è in stop totale in questo periodo, da più di un mese in quarantena come tutti. Si allenano per come possibile in casa, seguendo una tabella personalizzata, cercando di tenersi in forma nel caso di ripresa dei campionati. Per la serie C la situazione è ancor più complessa della A e della B essendoci tre gironi e dei meccanismi di play-off e play-out più complessi, oltre al fatto che molte società tra introiti che mancano e stipendi non emessi, stanno già andando in seria difficoltà. Speriamo si possa risolvere quanto prima questa situazione e soprattutto, che non vengano vanificati i sacrifici di tantissime realtà che potrebbero avere poi problemi a proseguire il loro cammino sportivo nei prossimi mesi”.

Come tu sai il nostro giornale web si occupa di calcio femminile e ti volevo chiedere se la Casertana ha una squadra femminile e se si come si sta comportando? “La Casertana ha un settore giovanile molto ampio che fa riferimento anche ad una squadra femminile che milita nel campionato Under 15 insieme a numerose altre squadre campane come Napoli, Benevento e Salernitana. E’ da circa un anno che si sta portando avanti questo progetto che vanta numerose giocatrici promettenti e con una grande passione per il calcio. E’ una bellissima soddisfazione anche per noi amanti di questo sport e spero che possa arrivare sempre più lontano”.

Infine non posso non chiederti del Napoli. Che mercato prevedi la prossima estate tra acquisti e questione rinnovi? “Sul mercato del Napoli, è tutto in divenire: purtroppo fin quando non si avranno certezze sul prosieguo di campionato, coppe e classifica, non si potrà attuare un piano mercato preciso, nè in entrata nè in uscita. Nonostante ciò resta tutto strettamente correlato in primis a chi lascerà l’azzurro: Milik, Koulibaly, Callejon ed Allan hanno tantissime proposte sia dall’Italia che dall’Europa e credo siano i primi indiziati a poter cambiare aria, spero vivamente però non andando a rinforzare altre big della serie A. C’è poi da considerare anche la questione contratti, con tanti azzurri in scadenza come Mertens e coloro che non sono soddisfatti dell’andamento degli ultimi mesi come Meret e Lozano. C’è tanto da fare e credo che comunque il Napoli opererà un mercato importante, creando un buon mix di talento ed esperienza. Senza poi dimenticare Petagna, già acquistato da De Laurentiis e che potrebbe fare benissimo all’ombra del Vesuvio”.

Fonte: Foto Giovanna Giaquinto

Intervista a cura di Alessandro Sacco

RIPRODUZIONE RISERVATA

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.