Milik, il rapace, sorride, ma resta con i piedi piantati a terra

0

E sono otto (undici con al tripletta al Genk). Il rapace Arek Milik finisci per ritrovartelo sempre, a dispetto di tutto, e procede spedito per la sua strada. Col posto ha ritrovato il sorriso, non mancando di festeggiare la nottata da en plein anche via social di riferimento. In mixed zone, subito dopo il blitz al Ferraris aveva ampliato il concetto: «Se il gol aiuta a vincere, ancora meglio. Abbiamo avuto difficoltà in trasferta, ma adesso stiamo tornando a crescere». In che modo? Arriva anche la spiegazione sulla tanto attesa inversione di marcia, una visione del futuro ben più ottimistica: «Ci vuole sempre tempo per capire tutti i movimenti. Il nuovo cambio dal 4-4-2 al 4-3-3 ci ha fatto faticare, però ora sappiamo ciò che si deve fare. Partita dopo partita creeremo di certo più palle gol». Nuovi orizzonti ed obiettivi rinnovati per un Napoli che pare aver ritrovato la rotta giusta. Pericoloso però provare a fare il passo più lungo della gamba…: «Il quarto posto? E’ ancora troppo presto per parlarne. Stiamo uscendo da un momento brutto e dobbiamo rimanere coi piedi per terra. Vogliamo continuare a vincere, a partire dalla prossima. Sappiamo dove siamo in classifica, ci sono tanti punti da recuperare e spero che, come adesso, i risultati arrivino».

Fonte: CdS

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.