Calciomercato, plusvalenze: aumenta la tassazione, stangata per i club italiani

0

Importante novità per le squadre di calcio professionistiche italiane: il regime di tassazione delle plusvalenze che derivano dal calciomercato è cambiato.

La decisione è arrivata in seguito ad un’ordinanza della Corte di Cassazione secondo cui le plusvalenze devono obbligatoriamente essere assoggettare nel regime di tassazione ordinario e quindi dovranno essere sottoposte all’Imposta Regionale sulle Attività Produttive (Irap).

Il nuovo inquadramento fiscale delle plusvalenze prodotte dal calciomercato dei club professionistici italiani avrà un impatto certamente negativo sui bilanci dei club di Serie A, si tratta anzi di una vera e propria doccia gelata. Le opportunità di guadagno dei club che vivono soprattutto dei ricavi derivati dalle plusvalenze (oltre che dalla vendita dei diritti tv) offre un’opportunità di guadagno decisamente inferiore.

Ovviamente la notizia non è stata accolta con grande favore dai presidenti delle squadre di Serie A, compreso Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli. La squadra azzurra è infatti uno dei club che maggiormente si finanzia grazie alle cifre derivanti dalle plusvalenze di calciomercato, voce del bilancio piuttosto sostanziosa.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.