Selvaggi: “Maradona era già famoso prima di venire al Napoli”

0

A Radio Marte nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Franco Selvaggi, ex calciatore

Factory della Comunicazione

“I brasiliani hanno ammesso che l’Italia meritò la vittoria il 5 luglio del 1982. Quella partita fece capire a tutti che potevamo vincere il Mondiale. Dopo la vittoria sull’Argentina di Maradona c’era la sensazione che avremmo potuto vincere il Mondiale. 5 luglio 1984? Maradona già prima di venire al Napoli era straordinario, famosissimo. Stavamo vedendo Argentina-Brasile ed eravamo traumatizzati da Maradona, poi ci rasserenammo pensando al fatto che anche lui fosse un essere umano. Mi ricordo Inter-Napoli fece un gil straordinario, andava oltre la normalità. Era difficile da fermare se non con qualche bottarella. C’è una fotografia di Italia-Argentina dove lui era accerchiato da 3 giocatori che provavano a fermarlo”.

A Radio Marte nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Josè Alberti

“Quando andai a Barcellona dal manager di Maradona, disse che aveva grossi problemi con la società. Quando gli dicemmo “perché non vieni a Napoli?”, lui rispose “che vengo a fare a Napoli?”. Gli venne spiegato che doveva venire perché poteva fare la differenza. Il manager non era d’accordo perché aveva accordi con altre squadre. Quando dissi a Celentano questa cosa, iniziò a trattare lui per l’arrivo di Maradona. Se prenderei Dybala? Il manager di Maradona quando Dybala aveva 18 anni lo aveva proposto al Napoli insieme a me. Ci hanno detto “Come si chiama questo giocatore?” e dopo aver tirato fuori un libro con i nomi dei giocatori ci hanno detto “gioca in Serie B argentina ed ha 18 anni. Non ci interessano i giocatori che giocano in Serie B”. Lo abbiamo portato a Palermo. Non si adattava ancora al calcio italiano all’inizio e ci dissero che era un disastro, poi dopo è uscito fuori alla grande. Per portare Dybala al Napoli farei sacrifici come hanno fatto all’epoca di Maradona, perché potrebbe fare grande il Napoli”.

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.