Antonio Giordano: “De Laurentiis? Non è un mangia-allenatori. Zielinski deve togliere un’etichetta fastidiosa”

0

Nel corso di Radio, durante “Marte Sport Live”, è intervenuto il giornalista Antonio Giordano sul momento del Napoli e sul futuro del club azzurro. “Credo che sia inevitabile a una rifondazione, basta guardare il Milan con Kessie e la Juve con Dybala. Se ti arrivano offerte di 100 milioni per un giocatore devi venderlo. Mertens e Spalletti esprimono il concetto della diversità, non mi risulta ci sia una frizione tra loro ma sono su lunghezze d’onda differenti. Spalletti per me è un grande allenatore, lo dice la sua carriera. Il discorso di carta conosciuta su De Laurentiis valeva anche 4 anni fa con Ancelotti, è un principio che non esiste, non è un presidente mangia allenatori anche se la media si è leggermente sporcata. C’è stato un vuoto comunicativo sull’organizzazione generale, mi riferisco a quella presidenziale. Per me il livello del campionato è equilibrato, la Salernitana va a pareggiare a Bergamo alzando il valore della media società. Non soltanto il Napoli ha perso con Empoli e Spezia, anche Milan e Inter hanno perso punti con squadre di media classifica. A me sembra tutto più avvincente e divertente. Il calcio italiano è in declino ma non più di ieri, pensare che questo calcio abbia fatto un passo all’indietro mi sembra un’estremizzazione. Il Sassuolo non è quello di sabato ma è una gran bella squadra. Scamacca può diventare un grandissimo giocatore. Zielinski è quel centrocampista che ti colpisce, sai sempre che può succedere qualcosa. Non so se può andare via, spero che il giorno in cui debba andare via sia riuscito a rimuovere quella patina di insicurezza che si porta dietro”.

La Redazione

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.