E. Montefusco, allenatore: “Nel Napoli mancano punti di riferimento”

0
A Radio Marte è intervenuto Enzo Montefusco, allenatore:
“Io ho sempre difeso Gattuso però non sono d’accordo quando dice che la squadra gli è piaciuta. Si va all’intervallo giocando una delle peggiori partite della storia del Napoli, chiaramente devi avere una reazione. Lo 0-0 dell’andata tutto sommato andava bene, lui sperava nel gol in trasferta che valesse doppio. Il problema è che si è fissato con il 4-2-3-1, poi è tornato al 4-3-3. Anche questo modulo bisogna avere la gente giusta per farlo. Demme? Tatticamente non serve a niente, gira intorno al campo. Ieri peraltro il centrocampo di partenza era assurdo, la difesa non era per niente protetta perché era tutto nuovo. Maksimovic se gioca a 3 se la può cavare ma a 4 va in difficoltà enorme anche come postura. Possibile che Gattuso non sappia queste cose?
Certo gli mancavano tanti calciatori però bisogna anche capire questo Zielinski quando si fa grande, che giocatore è. Poi ci si meravigliava che Sarri non lo facesse giocare tanto. Non ha personalità. Oggi senza pubblico non c’è nessuno che ti contesa. Lobotka? Che giocatore è? Se l’hai pagato 20 milioni devi anche farlo giocare. Quando vincevi le partite 4-0 nel primo tempo perché non fare giocare lui e Rrahmani? Anche solo per capire se servivano. Nel Napoli mancano punti di riferimento di raccordo con la squadra”.

 

Fonte: Radio Marte

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.