ESCLUSIVA – A. Agostinelli: “Gattuso? Ha ragione che non è facile la vita da allenatore. A Barcellona poco cinismo in zona gol”

0

Il Napoli è uscito contro il Barcellona per il return-match di Champions League, con qualche rimpianto in zona gol, ma giocandosela alla pari con gli spagnoli. Ora si programma il futuro, con il mercato e diversi nomi nella lista. Di questo ma non solo ilnapolionline.com ne ha parlato in un’intervista a mister Andrea Agostinelli.

Nel dopo match di Barcellona, Gattuso ha parlato di una sorta di magone per l’eliminazione dalla Champions. Cosa ne pensi in merito? “Partiamo da una premessa che gli azzurri hanno dato il massimo per provare a conquistare il passaggio ai quarti, ma purtroppo non è bastato. Se in queste sfide giochi anche bene, crei tanto, ma concretizzi poco, alla fine è inevitabile che vieni eliminato. A questi livelli, ci vuole più cattiveria sotto porta per ottenere il risultato tanto ambito. In questo il Napoli deve migliorare per arrivare sempre in alto”.

Quando a Gattuso gli hanno chiesto di Pirlo, lui ha risposto che è dura fare l’allenatore con una battuta ironica. Tu come l’hai interpretato? “Il mister ha ragione, è un passaggio molto difficile, quello da calciatore ad allenatore. Io credo che non ti devi subito immedesimare ancora nei panni di un calciatore quando sei un mister, si devono staccare il prima possibile. In un primo momento era successo anche a me, però con il tempo ho trovato la continuità. Sono certo che a Gattuso e ora Pirlo alla Juventus questo passaggio avverrà senza ombra di dubbio”.

Secondo te per il dopo Callejon, Politano sarebbe adatto per la fase attiva e passiva? “Politano dal punto di vista tecnico è davvero forte, non riesce ancora ad incidere nella fase difensiva come Callejon. Io credo che Gattuso possa essere il tecnico giusto per completarlo in questa seconda fase della sua crescita. Dovesse riuscirci allora sarebbe davvero importante, perché come valore tecnico Politano davvero non si discute”.

Si parla tanto di mercato e i nomi in cima alla lista sono: Boga e Under. Chi a tuo avviso farebbe al caso di Gattuso? “Under ha estro, talento e forza sul piano tecnico, ma a mio avviso per il gioco di Gattuso sarebbe più adatto Boga. Due sono i motivi, primo perché al momento non sappiamo fino a che punto può diventare forte e poi può ricoprire più ruoli, anche giocare in un centrocampo a tre, come fa nel Sassuolo. E’ chiaro che entrambi sono forti, anche il turco mi piace molto, ma l’esterno francese credo che possa essere più adatto al mister”.

Infine la tua favorita per la promozione in B e cosa pensi di Italiano tecnico dello Spezia. “Su Vincenzo Italiano ti posso dire che sta facendo molto bene, ho visto le gare dello Spezia e certamente sta facendo un percorso importante da allenatore, gli auguro il meglio. Su chi possa salire in A, al momento non te lo so dire, so solo che in teoria la finale dovrebbe essere Pordenone-Chievo Verona. La B di quest’anno però spesso è piena di sorprese, come ad esempio il Frosinone mai darlo per spacciato, basta vedere con il Cittadella, perciò c’è da attendere le gare di ritorno e poi si tireranno le somme per la finale, oltre che la promozione in A”.

Intervista a cura di Alessandro Sacco

RIPRODUZIONE RISERVATA ®

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.