Champions League: Juventus e Real Madrid eliminate

0
LA SFIDA DELL’ALLIANZ STADIUM

Juventus-Lione 2-1 Depay (L) rig. 12′, Ronaldo (J) rig. 44′ 60′

JUVENTUS: Szczesny, De Ligt, Bonucci, Alez Sandro, Cuadrado (Danilo 70′), Rabiot, Pjanic (Ramsey 61′), Bentancur, Bernardeschi (Dybala 70′, Olivieri 84′), Higuain, Ronaldo. A disposizione: Buffon, Pinsoglio, Chiellini, Danilo, Demiral, Dybala, Matuidi, Muratore, Olivieri, Ramsey, Rugani. Allenatore: Sarri.

LIONE (3-5-2): Lopes, Denayer (Andersen 61′), Marcelo, Marcal, Dubois (Tete 91′), Caqueret, Bruno, Aouar (Mendes 91′), Cornet, Ekambi (Reina-Adelaide 67′), Depay (Dembele 67′). A disposizione: Tatarusanu, Andersen, Bard, Cherki, Dembele, Diomande, Mendes, Jean Lucas, Rafael, Reine-Adelaide, Tete, Traore. Allenatore: Garcia.

Arbitro: Zwayer (GER).

Ammoniti: Aouar (L) 19′, Cuadrado (J) 32′, Dubois (L) 38′, Depay (L) 42′, Bentancur (J) 44′, Lopes (L) 76′, Cornet (L) 79′, Sarri (J) 82′, Caqueret (L) 87′, Marcal (L) 89′.

Note: recupero p.t. 5′, recupero s.t. 6′.

Primo tempo. La prima occasione arriva al 12′ col calcio di rigore assegnato ai francesi per un spinta di Bernardeschi su Aouar, dal dischetto prende la rincorsa Depay che sblocca il punteggio con lo scavetto. Al 20′ Bernardeschi dalla destra supera tre avversari e da posizione defilata scarta il portiere ma al momento di appoggiare in rete si lascia clamorosamente anticipare divorandosi il pareggio, al 37′ Higuain ci prova di testa dall’interno dell’area ma Lopes in tuffo ferma il Pipita. Passano 3 minuti e Cristiano Ronaldo su punizione calcia a giro ma Lopes in volo compie un autentico miracolo, al 43′ l’arbitro assegna un rigore per la Juve per un tocco di braccio in barriera di Depay che Ronaldo non sbaglia spiazzando Lopes chiudendo la prima frazione 1-1.

Secondo tempo. Nella ripresa Bruno lascia partire una sassata dai 25 metri alta non di molto, al 60′ Ronaldo si sposta la palla sul sinistro e dai 25 metri calcia di potenza piegando le mani al portiere per il 2-1 bianconero. Al 64′ sugli sviluppi di un corner Bonucci di testa manca il tris di poco, al 76′ Ronaldo sovrasta tutti in area e di testa manca il goal-qualificazione di poco. All’84’ il neo entrato Dybala sente male dopo aver calciato così è costretto a lasciare il campo per far entrare il Primavera Olivieri ma al triplice fischio la vittoria non basta alla Vecchia Signora che viene eliminata dalla Champions League.

LA SFIDA DELL’ETIHA STADIUM

Manchester City-Real Madrid 2-1 Sterling (M) 9′, Benzema (R) 28′, G. Jesus (M) 69′

MANCHESTER CITY (4-3-3): Ederson, Walker, Fernandinho, Laporte, Cancelo, Rodri (Otamendi 89′), Gundogan, De Bruyne, Foden (Bernardo Silva 67′), Sterling (David Silva 81′), Gabriel Jesus. A disposizione: Bravo, Bernabe, Doyle, Garcia, Harwood-Bellis, Mahrez, Otamendi, Pamer, Bernardo Silva, David Silva, Stones, Zinchenko. Allenatore: Guardiola.

REAL MADRID (4-3-3): Courtois, Carvajal (Lucas Vazquez 83′), Militao, Varane, Mendy, Toni Kroos, Casemiro, Modric (Valverde 83′), Rodrygo (Asensio 61′), Hazard (Jovic 83′), Benzema. A disposizione: Areola, Altube, Isco, Asensio, Diaz, Nacho, Hernandez, Jovic, Lucas Vazquez, Marcelo, Vinicius, Valverde. Allenatore: Zidane.

Arbitro: Brych (GER).

Ammoniti: Modric (R) 81′.

Note: recupero p.t. 2′, recupero s.t. 4′.

Primo tempo. La sfida si sblocca al minuto 9 con Sterling che ruba palla alla difesa madridista e indisturbato in area insacca, al 15′ Sterling sfiora la doppietta dal limite dell’area ma la sfera scheggia la traversa. Al 21′ Benzema si gira in un fazzoletto in area superando Laporte con un tunnel e calcia ma Ederson si dimostra provvidenziale, al 28′ arriva il pareggio blanco col colpo di testa di Benzema sul perfetto cross di Rodrygo dalla destra. Al 37′ Cancelo cerca il goal con un missile dal limite ma Courtois respinge in volo, nel finale di tempo De Bruyne centra l’incrocio dei pali direttamente da calcio d’angolo così i primi 45 minuti terminano 1-1.

Secondo tempo. Nella ripresa Gundagoan imbuca per Sterling che cerca il pallonetto su Courtois ma il portiere blanco salva i suoi, al 55′ Benzema lascia partire una sassata alta di poco dal limite. Al 65′ Jesus aggancia la sfera e calci a botta sicura ma Courtois in volo si dimostra provvidenziale, passano 4 minuti e Gabriel Jesus ruba palla a Varane e solo davanti al portiere segna con lo scavetto siglando il 2-1 inglese. Nel finale David Silva calcia su punizione dal limite ma Ederson respinge in tuffo chiudendo la sfida dell’Etihad sul 2-1 inglese.

A cura di Emilio Quintieri

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.