Serie B – Cosenza salvo, Pescara e Perugia ai play-out: I verdetti

0

Ore 21:00

Ascoli-Benevento          2-4 Sau (B) 25′, Barba (B) 32′, Insigne (B) 45′, Morosini, Moncini (B) 87′, Trotta (A) 92′ (A) 49′

Chievo-Pescara             1-0 Garritano (C) 88′

Cosenza-Juve Stabia    3-1 Sciaudone (C) 17′, Riviere (C) rig. 23′ 74′, Tonucci (J) 31′

Cremonese-Pordenone 2-2 Tremolada (P) rig. 15′, Gaetano (C) 17′ 57′, Burrai (P) 47′

Entella-Cittadella         2-3 Panico (C) 3′ 21′, Rizzo (E) aut. 5′, De Luca (E) 45’+4′, Stanco (C) 87′

Frosinone-Pisa              1-1 Marconi (P) 49′, Ciano (F) rig. 79′

Livorno-Empoli            0-2 Antonelli (E) 45′, La Mantia (E) 51′

Salernitana-Spezia       1-2 Gondo (S) 30′, Mora (S) 45’+1′, N’Zola (S) 90′

Trapani-Crotone          2-0 Taugourdeau (T) 54′, Dalmonte (T) 58′

Venezia-Perugia           3-1 Aramu (V) rig. 42′ 51′, Capello (V) 65′, Sgarbi (P) 69′

Ascoli-Benevento. Primo pericolo al 10′ con la percussione di Ninkovic sventata dall’uscita di Gori, al 25′ sanniti in vantaggio col destro vincente di Sau dopo la sponda di Improta. Al 32′ il Benevento raddoppio con Barba che di testa insacca sugli sviluppi di un piazzato, nel finale di tempo Insigne serve il tris col destro di Insigne per il 3-0 che chiude i primi 45 minuti. Nella ripresa i bianconeri provano a rientrare in partita col tap-in di Morosini sull’assist di Trotta, all’81’ Schiattarella calcia al volo trovando però Leali pronto all’intervento. Nel finale Moncini cala il poker sannita e Trotta sigla il 4-2 che chiude definitivamente il match.

Chievo-Pescara. Dopo un’iniziale fase di studio la prima occasione arriva al 21′ col tiro dal limite di Garritano largo non di molto, nel finale di tempo Djordjevic cerca il vantaggio a tu per tu con Fiorillo ma la sfera termina a lato così al duplice fischio si va a riposo senza reti. Nella seconda frazione Obi cerca gloria personale dai 25 metri con un siluro alto sopra la traversa, i ritmi di gara non accennano ad alzarsi con entrambe le squadre che faticano a rendersi pericolose. Nel finale Luca Garritano sblocca il punteggio con un mancino dall’interno dell’area dopo una mischia per il definitivo 1-0.

Cosenza-Juve Stabia. La prima emozione arriva al 13′ col destro al volo di Carretta fuori di pochissimo, al 17′ si sblocca il punteggio col tiro da posizione defilata di Sciaudone che si insacca nell’angolino. Al 23′ arriva il raddoppio cosentino col calcio di rigore trasformato da Riviere che spiazza Provedel, al 31′ le vespe accorciano le distanze col tocco di Tonucci sfruttando un pallone vagante così al duplice fischio si va a riposo con i calabresi avanti nel punteggio. Nella ripresa Di Mariano sfiora il pareggio centrando in pieno il palo, al 74′ arriva il tris cosentino con la doppietta di Rivere che tutto solo non perdona per il definitivo 3-1 dei Lupi.

Cremonese-Pordenone. La sfida si sblocca al 15′ col calcio di rigore trasformato da Tremolada con un preciso diagonale che spiazza Volpe, il pareggio grigiorosso arriva due minuti più tardi col bellissimo destro a giro dal limite sotto il sette di Gaetano. Nel finale di tempo Strizzolo cerca gloria personale da fuori ma Volpe in tuffo respinge così al duplice fischio si va a riposo in parità. Nei secondi 45 minuti il Pordenone si riporta in vantaggio col tiro a fil di palo di Burrai dal limite, al 57′ arriva la doppietta di Gaetano con un altro destro a giro che trafigge Di Gregorio, al 72′ Ciofani riceve il cross di Zortea mancando però il bersaglio di poco. Nel finale nessuna delle due squadre riesce a siglare il goal vittoria così al triplice fischio la contesa termina 2-2.

Entella-Cittadella. Il match si sblocca al 3′ col diagonale di Panico dopo un batti e ribatti in area, passano 2 minuti e arriva il pareggio ligure con l‘autorete di Rizzo che batte di testa in proprio portiere. Al 21′ arriva il raddoppio ospite con la seconda rete di Panico che dal limite esplode un destro che si insacca inesorabilmente, nel finale di tempo arriva il 2-2 firmato De Luca che sfrutta un batti e ribatti chiudendo la prima frazione in parità. Nella ripresa prima Schenetti e poi De Luca cercano gloria personale ma Maniero in volo disinnesca entrambe le conclusioni, all’80’ l’arbitro assegna un penalty all’Entella ma Maniero prima ipnotizza Schenetti e poi salva sulla ribattuta di Morra. Nel finale Stanco porta in vantaggio il Citta con una precisa incornata per il definitivo 3-2 ospite.

Frosinone-Pisa. Primo brivido del match al minuto 12 con Vido che aggancia in area e calcia mandando la sfera sull’esterno della rete, al 23′ Ariaudo cerca il goal di testa sugli sviluppi di un corner ma la sfera termina a lato. Al 34′ Dionisi cerca la soluzione di potenza col destro sfiorando il palo così al duplice fischio si va a riposo a reti inviolate. Nella seconda frazione i pisani sbloccano il punteggio col perfetto colpo di testa di Marconi sul cross di Siega, al 72′ Novakovich e Dionisi mancano l’impatto con la sfera di un soffio nell’area piccola. Nel finale l’arbitro assegna un rigore ai ciociari che lo specialista Ciano trasforma per l’1-1 che chiude la sfida.

Livorno-Empoli. Dopo un’iniziale fase di studio la prima occasione arriva al 26′ col sinistro di Pallecchi bloccato in due tempi da Brignoli in volo, nel finale di tempo arriva il vantaggio empolese con Antonelli che sbuca alle spalle di tutti e insacca così al duplice fischio si va a riposo col vantaggio ospite. Nella ripresa arriva il raddoppio ospite con La Mantia con un preciso sinistro, al 73′ Trovato cerca il tiro da lontano ma Brignoli devia in angolo. Nel finale non arriva la reazione livornese così al triplice fischio l’Empoli espugna il Picchi.

Salernitana-Spezia. Al 10′ arriva il primo sussulto col destro di Gondo bloccato in due tempi da Krapikas, al 25′ sugli sviluppi di un angolo Gondo ci prova id testa ma Krapikas smanaccia in angolo. Passano 5 minuti e la Salernitana sblocca il punteggio col destro vincente di Gondo dopo aver superato il diretto marcatore, nel finale di tempo i liguri pareggiano i conti con Mora che insacca dopo una leggera deviazione così al duplice fischio si va a riposo in parità. Nella seconda frazione Mora carica il sinistro e cerca il secondo palo ma Vannucchi respinge in angolo, all’81’ Djuric anticipa tutti in area e di testa sfiora il palo. Nel finale N’Zola completa la rimonta spezzina con N’Zola che a seguito di un contropiede fulmine firma il 2-1 che chiude i giochi all’Arechi.

Trapani-Crotone. Prima occasione all’8′ col tiro di prima intenzione di Messias a lato di un soffio, al 25′ Pettinari calcia a giro dal limite mancando lo specchio. Al 34′ sugli sviluppi di un corner Mustacchio calcia al volo dal limite mancando il bersaglio non di molto, nel finale di tempo la sfida non si sblocca così al duplice fischio si va a riposo senza reti. Nella ripresa il Trapani sblocca il punteggio con un preciso tiro nell’angolino di Taugourdeau , al 58′ arriva il raddoppio siciliano col diagonale vincente di Dalmonte. Nel finale Gerbo ci prova col sinistro ma la sua conclusione manca il bersaglio così al triplice fischio i padroni di casa si aggiudicano la contesa.

Venezia-Perugia. All’8′ primo brivido con la rasoiata molto angolata di Longo da fuori larga non di molto, al 23′ l’arbitro Fourneau concede un rigore al Perugia ma dopo un consulto col quarto uomo ritorno sui suoi passi non assegnando il penalty. Nel finale di tempo Fourneau assegna un rigore ai lagunari per un tocco di braccio di Mazzocchi, dal dischetto prende la rincorsa Aramu che insacca chiudendo il primo tempo sull’1-0 veneziano. Nei secondi 45 minuti Aramu realizza la personale doppietta con un tap-in dopo la respinta corta di Vicario, al 65′ Capello sigla il tris con un perfetto mancino dai 20 metri che si insacca sotto la traversa. Passano 4 minuti e i perugini provano a rientrare in partita col destro di Sgarbi che vale il 3-1. Nel finale espulso Angella così i perugini restano in 10 ma al triplice fischio il Venezia vince 3-1.

Classifica

Benevento 86-Crotone 68-Spezia 61-Pordenone 58-Cittadella 58-Chievo 56-Empoli 54-Frosinone 54-Pisa 54-Salernitana 52-Venezia 50-Cremonese 49-Entella 48-Ascoli 46-Cosenza 46-Perugia 45-Pescara 45-Trapani 44-Juve Stabia 41-Livorno 21

VERDETTI

Promosse in Serie A: Benevento e Crotone.

Play-off: Spezia, Pordenone, Cittadella, Chievo, Empoli e Frosinone.

Play-out: Perugia e Pescara.

Retrocesse in C: Trapani, Juve Stabia e Livorno.

A cura di Emilio Quintieri

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.