Calcagno (AIC): “Callejon? Col buon senso si possono trovare accordi”

0

Umberto Calcagno (vice presidente AIC) ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Punto Nuovo durante la trasmissione Punto Nuovo Sport Show: Callejon? Le assicurazioni restano invariate e copriranno anche le eventuali estensioni di contratti ed il tesseramento fino al 31 agosto. Gli eventuali infortuni lo condizioneranno per il futuro come per una stagione sportiva normale. Tutti i professionisti hanno assicurazioni private, quindi non dubito sul fatto che quelli che oggi scendono in campo, non abbiano una copertura oltre quella obbligatoria. Non credo questo sia un problema. Credo invece sia un problema la trattativa sul prolungamento per questi mesi che possa coinvolgere anche un prolungamento di contratto. Più che una questione contrattuale di breve termine, credo ci siano implicazioni differenti. Tutti i calciatori hanno interesse a finire la stagione, di certo la FIFA non permette di scendere in campo fin quando questa stagione non è terminata. Come AIC consiglieremo sempre di prendere in considerazione la mensilità di giugno e replicarla per luglio ed agosto. Più che un consiglio è una norma di buon senso prendere il contatto in essere ed utilizzarlo per i mesi successivi”.

Serie C?

“Ci sono molti più prestiti, c’è un lavoro preliminare che consigliamo di fare ai ragazzi. Stabilizzare gli importi dell’anno successivo distribuendolo in 10 rate invece che 12, è il primo passo per un accordo. Per le scadenze, vale ciò che è stato detto per Callejon. Nell’utilizzare il buon senso possono esserci accordi, eventuali rinunce, se è vero che il campionato è stato interrotto, non può essere non preso in considerazione il fatto che si giocherà un mese in più”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.