CALCIO FEMMINILE – Aluko si ritira dall’attività agonistica

0

L’ex attaccante di Juventus e Chelsea femminile Eniola Aluko, attraverso le pagine del “The Gardian” annuncia il ritiro dal calcio. Ecco quanto detto attraverso questo comunicato.

“Caro calcio, Ti scrivo questa lettera perché sta per chiudere un capitolo della nostra amicizia. Ho deciso di ritirarmi come calciatore professionista. Quando ci siamo incontrati per la prima volta 25 anni fa, non avrei mai immaginato il viaggio folle e incredibile che mi avresti portato. Come sai, allora non c’erano calciatori professioniste. Ed è difficile inseguire qualcosa che non puoi vedere. Quando ci siamo incontrati, mi hai fatto innamorare del Manchester United. Ero solo una ragazza di Birmingham, ma ogni volta che mi alzavo il colletto mi trasformavo in Eric Cantona, con tutta la sua spavalderia e le sue superpotenze. Ogni volta che correvo lungo l’ala mi sentivo come Ryan Giggs. – continua Aluko ripercorrendo le tappe della sua carriera compresa la parentesi torinese – Sei stato pieno di sorprese, amico mio, e se qualcuno me l’avesse detto quando ero bambina non ci avrei creduto. Non avrei mai immaginato che avrei giocato le Olimpiadi a Londra con la maglia della Gran Bretagna, che ha cambiato tutto il corso del calcio femminile e della mia carriera. All’improvviso la gente aveva appetito per il calcio femminile. E volevo farne parte. Da allora ci sono stati altri momenti in cui ho pensato di lasciarti. Devo essere sincera al riguardo. Sto parlando del razzismo, dell’abuso sui social media, e tutto il resto. Le donne non guadagnano molto nel calcio, giochiamo perché amiamo il gioco. A volte ho pensato, Ne vale la pena? Ti amo abbastanza? E ogni volta la risposta è stata sì. E mi hai dato il sogno di giocare negli Stati Uniti, l’orgoglio di rappresentare l’Inghilterra, l’emozione di vincere titoli con il Chelsea, l’avventura di giocare con la Juventus in Italia. Ogni volta che ho affrontato ostacoli, li hai distrutti. Ogni volta che ho avuto grandi aspettative, le hai superate. Ma non voglio fermarmi ora. Ma la storia non finisce, si apre solo un nuovo capitolo. Continuerò a lavorare per portare avanti il ​calcio femminile, proprio come ho cercato di fare per tutti quegli anni come attaccante. Mi impegnerò a dare alle donne posizioni chiave nel calcio, per aiutare il gioco ad avere maggiore copertura, finanziamenti e crescita e nuove opportunità.Credo che il calcio femminile continuerà a raggiungere livelli ancora più alti nei prossimi anni. E voglio fare la mia parte per assicurarmi che ciò accada.Ora tocca a me ripagarti”.

La Redazione

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.