La medicina dello sport: “Doping di stato”

Continua il nostro viaggio nell' oscuro mondo del doping

0

Ci risiamo! Il doping di Stato rifà, di tanto in tanto, la sua comparsa. Si sa, promuovere l’immagine di una nazione attraverso vittorie sportive, è una ghiotta opportunità, e la tentazione di vincere facile è davvero tanta. Poco importa se i poveri atleti collezioneranno, nel corso della loro esistenza, una più o meno lunga serie di malanni fisici e psicologici. I medici russi, nel caso venuto alla luce pochi giorni fa, si sono mostrati piuttosto manchevoli di fantasia. Avrebbero potuto utilizzare sostanze dopanti inedite, innovative, come ci si aspetterebbe da una vera superpotenza quale è la Russia, invece sono ricorsi ad un grande ”classico” : steroidi anabolizzanti ed eritropoietina (Epo). I primi, sono sostanze derivate dal testosterone, l’ormone sessuale maschile, ed hanno la capacità di accelerare i fenomeni cellulari anabolici. Servono cioè a rendere più veloce la sintesi di proteine, carboidrati e costituenti cellulari, con l’obiettivo di aumentare artificialmente la massa muscolare dell’atleta. Hanno anche la facoltà di aumentare l’aggressività, per questo vengono molto usati negli sport di lotta e di potenza. Peccato che, dopo un pò, portino tumore alla prostata e progressiva atrofizzazione dei… testicoli! Già, se li utilizzi, ti aspetta una vita di Viagra, e ad altissime dosi! L’Epo, invece, serve ad aumentare il numero di globuli rossi nel sangue degli atleti prima della competizione e ad assicurare, in tal modo, una maggiore ossigenazione di muscoli e tessuti. Il sangue diventa perciò più denso, e, con lo sforzo e l’aumentata sudorazione, c’è un altissimo rischio di formazione di trombi con relativa trombosi, insieme ad aritmie cardiache, danni cerebrali e morte improvvisa. Ma chissà se, tutto questo, Putin lo sa.

a cura di Giuseppe de Luca

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.