[Photogallery Ilnapolionline] Napoli-Samp, Gabbiadini ancora a segno, Tonelli, esordio e gol

Si apre il 2017 calcistico con una serata decisamente fredda in un S. Paolo che vede 30mila spettatori: molti habitués sono scoraggiati dal freddo artico, molti altri si organizzano con le coperte. In Curva A presenti gli amici della Curva Nord dell’Ancona, insieme ad una delegazione di tifosi del Borussia, la Curva B ripropone il bellissimo striscione dedicato ai piccoli ammalati del Santobono. Marco Giampaolo saluta con grande affetto Francesco Calzona prima e lo stesso Maurizio Sarri dopo con il quale si intrattiene in una brevissima chiacchierata. Poi non c’è più tempo per i gesti di amicizia: si dà il via alle ostilità, come si diceva un tempo. In campo Lorenzo Tonelli fa finalmente il suo esordio in maglia azzurri dopo ben 7 mesi. Gara che si presenta rognosa sin da  subito, con i blucerchiati ben messi in campo e un terreno di gioco che risente in negativo delle temperature polari di questi ultimi giorni. Fa freddo, eppure Sarri a un certo punto imita Mazzarri e sfila il cappotto; un brutto intervento su Callejon lo spinge a protestare con il quarto uomo. Protesta anche Insigne e lo fa “a muso duro”; Callejon subisce un brutto intervento in area e si sbraccia dopo che l’arbitro Di Bello opta per il nulla di fatto. Tra bordate di fischi l’ex di turno Quagliarella lascia il posto a Luis Muriesl,  vecchio oggetto del desiderio per il calciomercato azzurro. Intanto la gara non si sblocca: la sostituzione di un opaco Jorginho con Gabbiadini si rivela vincente: la rete del pari è siglata proprio da Manolo: stavolta tocca a lui recitare il ruolo dell’ ex “al veleno”. Il bello, però, deve ancora venire, perché tocca a Tonelli, “Cenerentolo” per 7 mesi a capovolgere le sorti di una partita che sembrava ormai compromessa con il suo piattone destro vincente al 94′. Al fischio finale fa ancora più freddo  ma chi se ne importa? Ci ha pensato Tonelli a riscaldare gli animi di tutti, compagni compresi, e, insieme a loro corre a raccogliere l’applauso della Curva A e l’abbraccio di Pepe Reina.

 

Foto di Maria Villani

Maria Villani

Articoli Correlati
Commenta